Что должен знать и уметь эксперт русского языка, работающий в итальянском вузе

Помнится в первый год моей итальянской жизни, 4 года назад,  я встретила одну даму из России. Мало того, землячку родом из Иркутской области. Она прожила в Италии на тот момент 25 лет. Дама эта явно ученая и очень уверенная в себе. Тогда преподавала в двух двух универах — Венеции и Больцзано. Жила в Тренто и курсировала  на поездах, через Верону. У нее был час времени между поездами, и мы встречались на вокзале. 

xodchenkova

Виктория  некогда закончила университет в Германии и потому, например, в немецкоязычном Больцзано преподавала русский язык итальянцам на немецком. О как!

Она почему-то была уверена, что и я (c моим тогда весьма хоть и беглым, но неправильным итальянским) смогу преподавать в универе…

 

— Ты не представляешь, какие лезут в «преподаватели» наглые  и  безграмотные…  И пролезают же…  — сказала мне Виктория.

Я сказала, что сначала мне надо повысить уровень своего итальянского и чуток хоть осмотреться, но предложение меня заинтересовало.  Я — филолог и мой  переведенный  и легализованный российский диплом мог бы мне дать возможность работать, например, экспертом русского языка. Было бы желание.

Для интересующихся далее идут требования для тех, кто хочет попробовать себя в подобном от одного университета севера Италии. «Оченьмногобукв» на итальянском, но я думаю, что будущих «экспертов» это не страшит. Лично меня — не особо. И я свои документы послала.

Переводить я не стала, лишь подчеркну некоторые важные моменты.

  • требуется итальянское гражданство или длительный ВНЖ
  • конечно, надо быть носителем языка
  • 500 часов в год
  • хорошее знание английского.

 

 

Selezione pubblica n. 2018S24, per titoli e colloquio, al fine di reperire n. 2 Collaboratori ed Esperti Linguistici (CEL) di lingua russa, da assumere mediante contratto di lavoro subordinato di diritto privato a tempo determinato, a tempo parziale (ciascuno con impegno orario pari a n. 500 ore su base annua),

 

AMMINISTRAZIONE CENTRALE AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO 1 DECRETO Rep. n. 2502/2018 — Prot. n. 317146 Anno 2018 Tit. VII Cl. 1 Fasc. 133 All. n. / Oggetto: Selezione pubblica n. 2018S24, per titoli e colloquio, al fine di reperire n. 2 Collaboratori ed Esperti Linguistici (CEL) di lingua russa, da assumere mediante contratto di lavoro subordinato di diritto privato a tempo determinato, a tempo parziale (ciascuno con impegno orario pari a n. 500 ore su base annua), presso il Centro Linguistico di Ateneo dell’Università degli Studi di Padova IL DIRETTORE GENERALE Visto il D.P.R. 09.05.1994, n. 487, e ss.mm.ii. Visto il D.L. 21.06.1995, n. 120, convertito con modificazioni nella Legge 21.06.1995, n. 236 Visto il Contratto Collettivo di Ateneo per i Collaboratori ed Esperti Linguistici dell’Università degli Studi di Padova del 17.04.2000 Visto il D.Lgs. 30.3.2001, n. 165 e ss.mm.ii. Visto il C.C.N.L. 16.10.2008 Visto il C.C.N.L. 19.04.2018 Visto il D.Lgs. 15.06.2015, n. 81 Vista l’autorizzazione del Direttore Generale 2018 – CEL: 01-12, prot. n. 315604 del 18.07.2018, all’attivazione di n. 2 contratti di Collaboratori ed Esperti Linguistici (CEL) di russa, da assumere mediante contratto di lavoro subordinato di diritto privato a tempo determinato, a tempo parziale (ciascuno con impegno orario pari a n. 500 ore su base annua), presso il Centro Linguistico di Ateneo (CLA), per attività di supporto al progetto di miglioramento e potenziamento dei servizi didattici erogati dal Centro Linguistico di Ateneo (CLA) agli studenti del nostro Ateneo, inclusi quelli stranieri, denominato “Miglioramento dei servizi di supporto all’apprendimento linguistico per gli studenti dell’Ateneo” Accertato che non sono disponibili graduatorie per un profilo analogo a quello ricercato Preso Atto che la Struttura proponente ha accertato la conformità del provvedimento alla legislazione vigente e ai Regolamenti di Ateneo D E C R E T A Art. 1 Indizione L’Università degli Studi di Padova indice la selezione pubblica n. 2018S24, al fine di reperire n. 2 Collaboratori ed Esperti Linguistici (CEL) di lingua russa, da assumere mediante contratto di lavoro subordinato di diritto privato a tempo determinato, a tempo parziale (ciascuno con impegno orario AMMINISTRAZIONE CENTRALE AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 2 pari a n. 500 ore su base annua), presso il Centro Linguistico di Ateneo dell’Università degli Studi di Padova Il presente bando di selezione è disponibile in via telematica al sito: http://www.unipd.it/collaboratori-esperti-linguistici. Le posizioni da ricoprire prevedono lo svolgimento di attività di supporto alla didattica e alla valutazione dell’apprendimento della lingua russa. Per lo svolgimento delle suddette attività si richiedono le seguenti capacità professionali, conoscenze e competenze:  ottima conoscenza della lingua russa e competenza nei suoi usi orali e scritti;  conoscenza scientifica delle forme e delle strutture della lingua russa;  conoscenza dei materiali disponibili per la didattica delle lingue ed in particolare della lingua russa;  conoscenza della didattica e della valutazione dell’apprendimento della lingua russa;  conoscenze riguardanti l’uso della tecnologia nella glottodidattica;  conoscenze informatiche di software per la creazione di materiali on-line per didattica e accertamento linguistico;  ottima predisposizione ad apprendere tecniche nuove necessarie alla creazione di materiali di apprendimento on-line;  ottime capacità di lavorare in gruppo e di relazionarsi con utenti, “interni” ed “esterni”;  ottime capacità di gestire ed organizzare il proprio lavoro anche in situazioni di richieste pressanti;  buona conoscenza della lingua inglese. Sono garantite pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro a sensi dell’art. 7 del D.Lgs. 165/2001. Art. 2 Requisiti di ammissione Per l’ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione delle domande di ammissione alla selezione: a) titolo di studio: Laurea magistrale ex D.M. n. 270/2004 o Laurea specialistica ex D.M. n. 509/1999 o Diploma di laurea ante D.M. n. 509/1999, conseguiti in Italia, ovvero, titolo universitario straniero equivalente. Coloro che sono in possesso di un titolo di studio estero possono partecipare alla selezione esclusivamente previo espletamento di una procedura di riconoscimento ai sensi dell’art. 38, comma 3, del D.Lgs. 165/2001. Il candidato è ammesso alla selezione con riserva qualora il provvedimento non sia ancora stato emesso dalle competenti autorità, ma sia stata avviata la relativa procedura, fermo restando che l’equivalenza dovrà essere obbligatoriamente posseduta al momento dell’assunzione.

AMMINISTRAZIONE CENTRALE AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 3 La procedura di riconoscimento deve essere avviata entro la data di scadenza del bando, a pena di esclusione dalla selezione, e gli estremi della richiesta di equivalenza del titolo di studio devono essere comunicati al Responsabile del procedimento. Il modulo per la richiesta di equivalenza del titolo di studio estero è reperibile all’indirizzo: http://www.funzionepubblica.gov.it/strumenti-e-controlli/modulistica b) essere di madre lìngua essere di madrelingua russa, con ciò intendendosi i cittadini italiani o stranieri che per derivazione familiare o vissuto linguistico abbiano la capacità di esprimersi con naturalezza nella lingua russa. L’accertamento del possesso del requisito è effettuato preventivamente dalla Commissione giudicatrice; c) età non inferiore agli anni 18; d) cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini italiani gli italiani non appartenenti alla Repubblica) o cittadinanza di uno Stato membro dell’Unione Europea. Saranno ammessi alla selezione anche i familiari di cittadini degli stati membri dell’Unione Europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente e i cittadini di Paesi terzi che siano titolari di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria; e) godimento dei diritti politici; f) idoneità fisica all’impiego; g) essere in regola con le leggi sugli obblighi militari. I candidati di cittadinanza diversa da quella italiana devono possedere i seguenti requisiti: 1. godimento dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza; 2. possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica; 3. adeguata conoscenza della lingua italiana. Non possono essere ammessi alla selezione, ai sensi dell’art. 2, comma 3, del D.P.R. 487/94, coloro che siano esclusi dall’elettorato politico attivo e coloro che siano stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero che siano stati dichiarati decaduti da altro impiego statale ai sensi dell’art. 127, lettera d) del D.P.R. 10.1.1957, n. 3, ovvero siano stati licenziati da altro impiego statale ai sensi della vigente normativa contrattuale. I candidati sono ammessi alla selezione con riserva. L’esclusione dalla selezione per difetto dei requisiti prescritti può essere disposta in qualsiasi momento, anche successivamente allo svolgimento delle prove. AMMINISTRAZIONE CENTRALE AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 4 Art. 3 Presentazione della domanda. Termini e modalità La domanda di partecipazione alla selezione pubblica, nonché i relativi allegati, devono essere presentati per via telematica, utilizzando la piattaforma Pica, disponibile alla pagina: https://pica.cineca.it/unipd/tipologia/pta. L’applicazione informatica richiederà necessariamente il possesso di un indirizzo di posta elettronica per poter effettuare l’autoregistrazione al sistema. Il candidato dovrà inserire tutti i dati richiesti per la produzione della domanda ed allegare, in formato elettronico, i documenti di cui al presente bando. Entro la scadenza di presentazione della domanda il sistema consente il salvataggio in modalità bozza. La procedura di compilazione e l’invio telematico della domanda dovranno essere completati entro e non oltre le ore 14.00 del 24 agosto 2018, data di scadenza del bando. La data di presentazione telematica della domanda di partecipazione alla selezione è certificata dal sistema informatico mediante ricevuta che verrà automaticamente inviata via e-mail. Allo scadere del termine utile per la presentazione, il sistema non permetterà più l’accesso e l’invio del modulo elettronico. In caso di necessità, entro il termine utile per la presentazione (24 agosto 2018), è possibile ritirare una domanda già inviata e presentarne una nuova. Ad ogni domanda verrà attribuito un numero identificativo che, unitamente al codice concorso indicato nell’applicazione informatica, dovrà essere specificato per qualsiasi comunicazione successiva. La domanda di partecipazione deve essere compilata in tutte le sue parti, secondo quanto indicato nella procedura telematica. La presentazione della domanda di partecipazione dovrà essere perfezionata e conclusa secondo le seguenti modalità: — mediante firma digitale, utilizzando smart card, token USB o firma remota che consenta al titolare di sottoscrivere documenti generici utilizzando un software di firma su pc oppure un portale web per la firma remota resi disponibile dal certificatore. Chi dispone di una smart card o di un token usb di firma digitale potrà verificarne la compatibilità con il sistema di firma digitale integrato nel sistema server. In caso di esito positivo il titolare potrà sottoscrivere la domanda direttamente sul server; — chi non dispone di dispositivi di firma digitale compatibili e i titolari di firme digitali remote che hanno accesso a un portale per la sottoscrizione di documenti generici, dovranno salvare sul proprio pc il file pdf generato dal sistema e, senza in alcun modo modificarlo, firmarlo digitalmente in formato CAdES: verrà generato un file con estensione, p7m che dovrà essere nuovamente caricato sul sistema. Qualsiasi modifica apportata al file prima dell’apposizione della firma digitale impedirà la verifica automatica della corrispondenza fra il contenuto di tale documento e l’originale e ciò comporterà l’esclusione della domanda. — in caso di impossibilità di utilizzo di una delle opzioni sopra riportate: mediante sottoscrizione della domanda, effettuando un upload della scansione del documento firmato manualmente, unitamente alla scansione di un valido documento di identità, a pena di esclusione dalla selezione. Il servizio potrà subire momentanee sospensioni per esigenze tecniche. I candidati cittadini non italiani devono presentare domanda di partecipazione secondo le modalità e i termini indicati nella presente disposizione, fermo restando quanto previsto dall’art. 4 del presente avviso.

 

AMMINISTRAZIONE CENTRALE AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 5 Per l’invio telematico della documentazione dovranno essere utilizzati formati statici e non direttamente modificabili, privi di macroistruzioni e di codici eseguibili, preferibilmente in formato pdf; i documenti non devono superare 30 MB di pesantezza. L’Amministrazione non assume alcuna responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni di recapito o da non avvenuta o tardiva informazione di variazione dell’indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore. Eventuali informazioni o chiarimenti in merito alle modalità di presentazione delle domande possono essere richieste all’Ufficio Personale Tecnico Amministrativo ai numeri 049 827 3159 – 3494 dalle ore 9.00 alle ore 13.00. Per la segnalazione di problemi esclusivamente tecnici contattare il seguente indirizzo e-mail: unipadova@cineca.it. Art. 4 Contenuto delle domande Nella domanda di partecipazione i candidati dovranno dichiarare: 1) cognome e nome; 2) la data ed il luogo di nascita; 3) codice fiscale (se cittadino italiano); 4) il numero della selezione alla quale intendono partecipare; 5) la residenza con l’indicazione della via, del numero civico, della città, della provincia, del codice di avviamento postale; 6) la cittadinanza posseduta; 7) se cittadino italiano, iscrizione nelle liste elettorali con l’indicazione del comune, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime; se cittadino straniero di godere dei diritti civili e politici anche negli stati di appartenenza o di provenienza, ovvero i motivi del mancato godimento degli stessi; 8) le eventuali condanne penali riportate (anche se sia stata concessa amnistia, condono, indulto o perdono giudiziale) e i procedimenti penali eventualmente pendenti; 9) il possesso del titolo di studio richiesto dall’art. 2 del bando di selezione, con l’indicazione dell’anno accademico in cui è stato conseguito e dell’Ateneo che lo ha rilasciato. Qualora il titolo di studio sia stato conseguito all’estero, si dovrà specificare l’autorità competente, nonché gli estremi del provvedimento che ha riconosciuto tale titolo equivalente al titolo italiano o con il quale è stato richiesto il riconoscimento; 10) la posizione rivestita nei riguardi degli obblighi militari; 11) di non essere stato destituito o dispensato o licenziato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione, né di essere stato dichiarato decaduto da un altro impiego statale; 12) gli eventuali servizi prestati presso Pubbliche Amministrazioni e le cause di risoluzione di precedenti rapporti di pubblico impiego (tale dichiarazione deve essere redatta anche se negativa); AMMINISTRAZIONE CENTRALE AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 6 13) i candidati con cittadinanza diversa da quella italiana sono tenuti a presentare la domanda in lingua italiana e dovranno inoltre dichiarare di avere un’adeguata conoscenza della lingua italiana. Le suddette dichiarazioni saranno rese ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000 e sotto la propria responsabilità dai cittadini italiani, dell’Unione Europea ed extraeuropei regolarmente soggiornanti in Italia. I cittadini di stati non appartenenti all’Unione Europea autorizzati a soggiornare nel territorio dello Stato possono utilizzare le suddette dichiarazioni sostitutive limitatamente agli stati, alle qualità personali e ai fatti certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici italiani o, nei casi in cui la produzione delle stesse avvenga in applicazione di convenzioni internazionali fra l’Italia e il Paese di provenienza del dichiarante, indicando la Convenzione invocata e l’atto con il quale è stata recepita nell’ordinamento italiano. Al di fuori dei suddetti casi, i candidati effettueranno in domanda una semplice dichiarazione relativa agli stati, alle qualità personali e ai fatti richiesti; al momento della costituzione del rapporto di lavoro, tali dichiarazioni dovranno essere comprovate mediante certificazione rilasciata dalle competenti autorità dello Stato estero, corredata di traduzione in lingua italiana autenticata dall’autorità consolare italiana che ne attesta la conformità all’originale, con le modalità indicate all’art. 3 del D.P.R. 445/2000. Ogni candidato può eleggere nella domanda un domicilio speciale ai fini delle comunicazioni da parte dell’Amministrazione Universitaria. Ai sensi dell’art. 16 della Legge 68/99 e dell’art. 20 della Legge 104/92, gli aventi diritto dovranno fare esplicita richiesta riguardo l’ausilio necessario, nonché l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi per l’espletamento delle prove. A tal fine i candidati devono allegare alla domanda di partecipazione alla selezione idonea certificazione rilasciata dall’apposita commissione medica pubblica al fine di consentire all’amministrazione di predisporre per tempo i mezzi e gli strumenti atti a garantire una regolare partecipazione alla selezione. In applicazione della Legge 170/2010, i candidati con disturbi specifici dell’apprendimento potranno usufruire del 30% di tempo aggiuntivo nelle prove scritte, e di eventuali ulteriori ausili, previa richiesta di supporti. La richiesta dovrà essere redatta seguendo le indicazioni disponibili nella procedura on line di domanda di partecipazione alla selezione. Art. 5 Allegati alle domande La domanda deve essere corredata da: 1. fotocopia documento di riconoscimento in corso di validità, anche per quelle sottoscritte con firma digitale; 2. certificazione per eventuale richiesta di ausili o di tempi aggiuntivi per l’espletamento delle prove o copia della stessa; 3. curriculum formativo e professionale, preferibilmente in formato europeo. AMMINISTRAZIONE

 

CENTRALE AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 7 Art. 6 Domande dei concorrenti di cittadinanza non comunitaria I concorrenti di cittadinanza non comunitaria sono tenuti a presentare la domanda, con le modalità ed entro il termine stabilito negli articoli precedenti. Art. 7 Commissione Giudicatrice La Commissione Giudicatrice sarà nominata con successivo provvedimento del Direttore Generale e sarà composta secondo quanto previsto dal vigente Regolamento di Ateneo per i procedimenti di selezione e assunzione a tempo determinato di personale Tecnico Amministrativo presso l’Università degli Studi di Padova. Art. 8 Punteggi La Selezione è per titoli e colloquio. I punteggi per i titoli e il colloquio sono complessivamente 120 così ripartiti: — n. 40 punti per i titoli; — n. 80 punti per il colloquio. Art. 8 Titoli Sono ammessi al colloquio i candidati che hanno raggiunto nella valutazione dei titoli un punteggio minimo pari a 20/40. Saranno valutati i titoli utili ad attestare idonea qualificazione e competenza adeguata alle funzioni da svolgere e attinenti la professionalità richiesta dal bando di selezione. 1. esperienza in attività didattico-formative e di supporto all’apprendimento della lingua russa maturate preferibilmente presso università italiane o estere: fino ad un massimo di punti 16 2. titoli di studio e formativi, ulteriori rispetto al titolo di accesso, pertinenti all’attività di CEL di lingua russa: fino ad un massimo di punti 8 3. comprovata esperienza nell’utilizzo di piattaforme didattiche e/o di testing, attestata mediante indicazione degli estremi dei Test e/o dei materiali multimediali prodotti, dei corsi in modalità blended progettati, dei corsi di Moodle utilizzati con funzione di docente: fino ad un massimo di punti 7 4. attestazioni di idoneità all’insegnamento e alla certificazione della lingua russa, rilasciate da Enti competenti e accreditati a livello nazionale o internazionale: fino ad un massimo di punti 5

 

AMMINISTRAZIONE CENTRALE AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 8 5. incarichi o svolgimento di particolari funzioni professionali attinenti le attività relative al posto da ricoprire: fino ad un massimo di punti 3 6. eventuali pubblicazioni: fino ad un massimo di punti 1 Per quanto riguarda i titoli di cui ai punti 1., 2. e 5. la Commissione valuterà quanto dichiarato/certificato dai candidati soltanto se saranno indicati i relativi periodi di svolgimento e/o la durata in termini di ore. Non devono essere prodotti certificati rilasciati dalle Pubbliche Amministrazioni Italiane o dell’Unione Europea. Le pubblicazioni devono essere allegate alla domanda e devono essere conformi all’originale. Sono considerate pubblicazioni valutabili le opere già edite al momento della scadenza del bando e gli estratti di stampa; le pubblicazioni effettuate con mezzi diversi dalla stampa (opere esclusivamente elettroniche) sono valutabili senza la necessità di osservare le formalità previste per i lavori a stampa (obblighi previsti dal Decreto legislativo luogotenenziale 31.8.1945, n. 660). Ad eccezione dei candidati non comunitari, che non possono beneficiarne ai sensi dell’art. 3 del D.P.R. n. 445/200, tutti gli stati, i fatti e le qualità che il candidato ritiene utili ai fini della valutazione dei titoli, devono essere resi sotto forma di dichiarazione sostitutiva ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000. L’elenco degli ammessi al colloquio, con il punteggio riportato da ciascuno nella valutazione dei titoli, verrà affisso alla bacheca del Centro Linguistico di Ateneo, Via Venezia, 16, Padova il giorno 5 settembre 2018, dopo le ore 14.00; sarà, altresì, pubblicato nel sito Internet dell’Università di Padova: http://www.unipd.it/universita/concorsi-selezioni/collaboratori-esperti-linguistici e sarà accessibile tramite password che sarà comunicata ai partecipanti alla selezione all’indirizzo di posta elettronica indicato nella domanda di partecipazione. Art. 9 Prova d’esame La prova d’esame consiste in un colloquio che potrà vertere sui seguenti argomenti: — conoscenze metalinguistiche della lingua russa; — metodologie dell’insegnamento delle lingue; — il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue del Consiglio d’Europa; — l’autonomia del discente nell’apprendimento linguistico; — la valutazione delle competenze linguistiche; — la collaborazione nell’apprendimento linguistico; — approcci innovativi nell’insegnamento delle lingue straniere; — l’insegnamento della grammatica; — sviluppo delle abilità linguistiche; — la progettazione del sillabo per corsi di lingua straniera; — la creazione di materiali per l’apprendimento linguistico; — la competenza comunicativa interculturale.

 

AMMINISTRAZIONE CENTRALE AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 9 Verrà inoltre verificato l’utilizzo delle nuove tecnologie (ad esempio la piattaforma Moodle) nell’insegnamento linguistico e verrà accertata la buona conoscenza della lingua inglese. La prova si intende superata con una votazione di almeno 56/80 (equivalente a 7/10). La prova avrà luogo, senza ulteriore preavviso, il giorno 7 settembre 2018 alle ore 9,30 (e se necessario potrà proseguire nei giorni successivi), presso l’Aula 1D Centro Linguistico di Ateneo, Via Venezia n. 16 — PADOVA. La pubblicazione del suddetto calendario ha valore di notifica a tutti gli effetti. I candidati ai quali non sia stata comunicata l’esclusione dalla selezione saranno tenuti a presentarsi, senza alcun preavviso, nel giorno sopra indicato. L’assenza del candidato alla prova sarà considerata come rinuncia alla selezione, quale ne sia la causa. Le sedute della Commissione durante lo svolgimento del colloquio sono pubbliche. Al termine della valutazione di tutti i candidati la Commissione giudicatrice forma l’elenco dei candidati esaminati, con l’indicazione del voto per coloro che hanno superato la prova stessa. L’elenco sottoscritto dal Presidente e dal Segretario, è affisso alla bacheca del Centro Linguistico di Ateneo, Via Venezia n. 16 — PADOVA, e inserito nel sito Internet dell’Università di Padova http://www.unipd.it/selezioni-pubbliche-personale-tecnico-amministrativo ed è accessibile tramite password fornita ai partecipanti alla selezione. Art. 9 Documenti di riconoscimento Per essere ammessi a sostenere la prova d’esame i candidati dovranno essere muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità ai sensi della vigente normativa. Art. 10 Formulazione ed approvazione della graduatoria Espletate le prove, la Commissione giudicatrice forma la graduatoria di merito dei candidati secondo l’ordine decrescente del punteggio complessivo ottenuto dagli stessi: il punteggio complessivo è dato dalla somma del punteggio riportato nella valutazione dei titoli e del voto riportato nel colloquio. Con l’osservanza che, in caso di parità di punteggio, la preferenza è data al candidato di età anagrafica minore, con decreto del Direttore Generale saranno approvati gli atti della selezione nonché la graduatoria generale di merito, che sarà pubblicata all’Albo Ufficiale dell’Università degli Studi di Padova; dal giorno successivo decorre il termine per eventuali impugnative. La graduatoria di merito è immediatamente efficace e rimane efficace per due anni dalla data di pubblicazione all’Albo. Non si dà luogo a dichiarazioni di idoneità.

 

AMMINISTRAZIONE CENTRALE AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 10 Ai sensi dell’art. 71 del DPR 445/2000 l’Amministrazione effettua idonei controlli, anche a campione, e in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47. Fermo restando quanto previsto dall’art. 76 del DPR 445/2000, qualora dal suddetto controllo emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera. Art. 11 Costituzione rapporto di lavoro L’Amministrazione procederà alla costituzione del rapporto di lavoro, subordinatamente all’accertamento della disponibilità finanziaria sul bilancio dell’Ateneo e a quanto previsto dalle norme vigenti in materia di assunzioni nelle Università, dei candidati vincitori, in qualità di Collaboratori ed Esperti Linguistici (CEL) di lingua russa, con impegno orario pari a n. 500 ore su base annua. I vincitori della selezione saranno invitati, a pena di decadenza ed entro 30 giorni dalla stipulazione del contratto individuale di lavoro, a sottoscrivere le dichiarazioni sostitutive ai sensi del D.P.R. 445/2000 comprovanti il possesso dei requisiti previsti per l’ammissione all’impiego come specificati nell’art. 2 del presente decreto, anche alla data di sottoscrizione del contratto. Qualora vengano meno la necessità, la convenienza o l’opportunità, l’Amministrazione può non procedere alla stipula del contratto. Art. 12 Assunzione in servizio e periodo di prova I vincitori della selezione saranno assunti in prova per un periodo di un mese non prorogabile, indipendentemente dalla durata del contratto. La mancata assunzione del servizio nel termine stabilito dal contratto, senza giustificato motivo, comporterà l’immediata risoluzione del rapporto di lavoro. La mancata o incompleta consegna della documentazione richiesta o la omessa regolarizzazione della documentazione stessa nel termine prescritto comportano l’immediata risoluzione del rapporto di lavoro. Art. 13 Norme di salvaguardia o di rinvio Per quanto non previsto dal presente bando valgono, sempre se applicabili, le vigenti disposizioni in materia di svolgimento dei concorsi, nonché quelle contenute nel contratto collettivo nazionale di lavoro, comparto Università, attualmente vigente e nel relativo Regolamento di Ateneo. Il presente decreto sarà registrato nel Repertorio Generale dei Decreti di questo Ateneo e sarà reso pubblico mediante:  pubblicazione all’Albo Ufficiale dell’Università all’indirizzo http://protocollo.unipd.it/albo/albo.htm;  inserimento nel sito: http://www.unipd.it/collaboratori-esperti-linguistici.

AMMINISTRAZIONE CENTRALE AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 11 Avverso il presente provvedimento è proponibile, in via amministrativa, entro centoventi giorni dalla data di pubblicazione, ricorso straordinario al Capo dello Stato ovvero, in sede giurisdizionale, impugnazione al Tribunale Amministrativo Regionale, entro sessanta giorni dalla stessa data. Art. 14 Trattamento dei dati personali Il trattamento dei dati personali richiesti dal presente avviso è finalizzato esclusivamente per tutte le attività connesse alla selezione. L’informativa, resa ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 – Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, è disponibile al seguente indirizzo: http://www.unipd.it/privacy



Комментарии: